RISCHIO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI: pubblicata nuova Direttiva Europea
06/07/2013

RISCHIO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI: pubblicata nuova Direttiva Europea

  

Il 29/06/13 è entrata in vigore la nuova Direttiva 2013/35/UE concernente le disposizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (campi elettromagnetici). Essa è volta ad aggiornare e migliorare le norme UE a tutela dei lavoratori dai campi elettromagnetici sul luogo di lavoro, in particolare riguarda anche i medici ed infermieri che lavorano con attrezzature particolari come le macchine per la risonanza magnetica e radar, le linee elettriche e gli operai che si occupano della loro manutenzione.

La nuova direttiva abroga la precedente direttiva 2004/40/CE (che doveva entrare in vigore il 31/10/13) e dovrà essere recepita nella legislazione nazionale entro il 1/07/2016. Entro tale data dovranno essere recepiti formalmente i nuovi limiti di esposizione e le prescrizioni sulle misure di sicurezza, fermo restando che, in ottemperanza al Titolo VIII del Testo Unico Sicurezza sull'obbligo della valutazione di tutti i rischi fisici, è comunque già vigente e continua ad esserlo, l'obbligo per il datore di lavoro di provvedere alla valutazione di tutti i rischi per la salute e la sicurezza, inclusi quelli derivanti da esposizioni a campi elettromagnetici.

Si ricorda, infine, che il Testo Unico Sicurezza rimandava all'entrata in vigore della direttiva 2004/40, l'individuazione della data ultima di recepimento delle prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all'esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (campi elettromagnetici), contenuti nel Capo IV (protezione da campi elettromagnetici) del Titolo VIII (Agenti fisici).

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere Aggiornato

Cookie