Regolamento del Parlamento Europeo per le sostanze chimiche (REACH)
30/01/2007

Regolamento del Parlamento Europeo per le sostanze chimiche (REACH)

  

Il Parlamento UE lo scorso 13 dicembre 2006 ha definitivamente approvato il c.d. Regolamento Reach (Reg. CE 1907/06) che entrerà in vigore dal prossimo 1 giugno in tutti gli stati dell’Unione Europea e che, coordinandosi con quanto alla direttiva 2006/121/Ce, relativa alla notificazione, classificazione e imballaggio delle sostanze pericolose (che entrerà però in vigore dal 1.6.08) viene a rivelare la “Policy dell’Unione” in materia di prodotti chimici. E’ stata, innanzitutto, abolita la previgente disparità di trattamento tra i prodotti chimici introdotti sul mercato successivamente al 1981 e gli altri antecedenti per i quali non v’erano vere e proprie procedure di controllo pubblico. Inoltre, attraverso una serie di scadenze che andranno dal giugno del 2007 al 2009, il Legislatore Comunitario ha disposto da un lato la Registrazione di quasi 30.000 delle sostanze chimiche prodotte e commercializzate, dall’altro, addirittura l’obbligo di Autorizzazione pubblica per l’uso delle circa 1.500 più pericolose alla salute ed all'ambiente. Il programma europeo ha l'obiettivo quindi di sottoporre migliaia di prodotti chimici a test di tossicità al fine di acquisire dati ed informazioni sulle sostanze prodotte od importate (purché in quantità di almeno una tonnellata/anno). E ciò sia al fine di rendere edotti (dal 1.6.07) i destinatari dell'intera catena di approvvigionamento, delle più complete informazioni concernenti dette sostanze, o preparati, o beni che le contengono, sia al fine di ottenerne la Registrazione (dal 1.6.08) presso una Banca Dati che sarà gestita dalla istituenda Agenzia Europea per la Sostanze Chimiche. Non solo ma come detto, sempre dal giugno 2008, l’utilizzo delle sostanze più nocive (cancerogene, tossiche per la riproduzione etc..) sarà subordinato all’apposita Autorizzazione della Commissione Europea previa valutazione che i rischi siano subordinati ai benefici sociali od economici derivanti od all’adeguatezza dei controlli connessi al loro uso. Da sottolineare infine che dal giugno del 2009 il Regolamento prevede, per tutta una serie di preparati, componenti e sostanze (a prescindere dal quantitativo o dalla registrazione), importanti restrizioni alla produzione, utilizzazione od immissione sul mercato.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere Aggiornato

Cookie