Modifiche agli obblighi relativi a responsabilità e formazione dei Preposti e dei Datori di Lavoro
11/01/2022

Modifiche agli obblighi relativi a responsabilità e formazione dei Preposti e dei Datori di Lavoro

Modifiche agli obblighi relativi a responsabilità e formazione dei Preposti e alla formazione in materia di salute e sicurezza
La Legge 17 dicembre 2021, n. 215 “Misure urgenti in materia economica e fiscale, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili”, entrato in vigore dal 21 dicembre 2021 ha apportato importanti modifiche al D.Ls. 81/2008.
In sintesi:

• Individuazione dei Preposti
Il Datore di lavoro dovrà individuare formalmente il Preposto o i Preposti per l’effettuazione della vigilanza: costoro non potranno subire pregiudizio dalla svolgimento di questa attività.

• Integrazione degli obblighi del Preposto
1) il preposto nell'ambito dell'attività di vigilanza dovrà ora anche «intervenire per modificare il comportamento non conforme fornendo le necessarie indicazioni di sicurezza. In caso di mancata attuazione delle disposizioni impartite o di persistenza dell’inosservanza, dovrà interrompere l’attività del lavoratore e informare i superiori diretti».
2) il Preposto dovrà interrompere, se necessario, l’attività in caso rilevi deficienze dei mezzi e delle attrezzature di lavoro e segnalare le non conformità rilevate.

• Individuazione del Preposto in sede di appalto/subappalto (art.26)
I datori di lavoro appaltatori/subappaltatori dovranno comunicare, espressamente al committente, il personale che riveste il ruolo di Preposto

• La Formazione in sicurezza sul lavoro
1) entro il 30 giugno 2022 la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano dovrà accorpare e integrare tutti i percorsi formativi previsti per la salute e sicurezza;
2) l’Addestramento dovrà essere effettuato da persona esperta e sul luogo di lavoro e consistere in prova pratica, per l’uso corretto e in sicurezza di attrezzature, macchine, impianti, sostanze, dispositivi, anche di protezione individuale; l’Addestramento consisterà, inoltre, nell’esercitazione applicata per le procedure di lavoro in sicurezza. Gli interventi di Addestramento effettuati devono essere tracciati in apposito registro anche informatizzato»;
3) Diviene obbligatoria anche la formazione per il Datore di lavoro (deve essere ancora definito il percorso formativo);
4) La formazione del Preposto potrà avvenire solo in presenza, con aggiornamento biennale e comunque ogni qualvolta sia reso necessario in ragione dell’evoluzione dei rischi o all’insorgenza di nuovi rischi.

Tali novità fanno seguito a quelle attuate del D.L. 146/2001 che già prevedevano la sospensione dell'attività lavorativa anche dopo il primo riscontro di una grave violazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere Aggiornato

Cookie