Limiti al telemarketing - Albi professionali
01/12/2011

Limiti al telemarketing - Albi professionali

  

Il Garante privacy ha vietato ad una società di utilizzare per scopi promozionali i dati personali di un professionista (avvocato) che si era lamentato di essere stato disturbato in ufficio con offerte di servizi di telefonia destinati all'utenza business.

Il garante ha infatti stabilito che l'offerta commerciale deve essere strettamente funzionale all'attività del professionista, e che i dati contenuti negli albi professionali possono essere utilizzati per telefonate commerciali solo se il promotore ha già acquisito il consenso dell'interessato o se presenta offerte strettamente attinenti l'attività svolta dal professionista contattato

Nella richiesta all'Autorità, il professionista evidenziava come la presenza dei propri dati personali e, quindi, anche del proprio recapito telefonico nel proprio albo professionale, anche in versione on line, costituisse un obbligo di legge e non implicasse alcun consenso a ricevere telefonate promozionali.

Al fine di non essere più disturbato, l'utente si era anche iscritto nel Registro pubblico delle opposizioni.

La società si è difesa affermando che i servizi di telefonia business proposti riguardavano l'attività professionale dell'utente e che si trattava pertanto di un utilizzo perfettamente lecito di dati estratti da un albo professionale on line consultabile da chiunque.

Dai riscontri del Garante è invece emerso che l'offerta commerciale era generica e non "direttamente funzionale" alla professione forense, non giustificando così l'eventuale esonero dall'acquisizione del consenso.

Nel dichiarare illecito il trattamento di dati effettuato dalla società, il Garante ha ribadito che i datipersonali di un professionista - anche quando sono estratti da un registro, elenco o albo consultabile da chiunque -non possono essere usati per finalità di telemarketing non strettamente attinenti l'attività lavorativa della persona contattata, senza che sia stato preventivamente acquisito il suo consenso.

L'Autorità ha inoltre ricordato che tutte le società, prima di poter utilizzare a fini di marketing i numeri contenuti in elenchi telefonici generali, sono tenute a verificare che gli utenti non si siano iscritti nel Registro pubblico delle opposizioni e non abbiano quindi in tal modo espressola propria contrarietà a ricevere telefonate pubblicitarie.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere Aggiornato

Cookie