I corsi di formazione per responsabili e addetti al srevizio di prevenzione e protezione
01/02/2006

I corsi di formazione per responsabili e addetti al srevizio di prevenzione e protezione

  

La Conferenza Permanente Stato-Regioni, nella seduta del 26 gennaio scorso, ha finalmente approvato l’Accordo che disciplina i contenuti dei corsi di formazione previsti come obbligatori per chi svolge la funzione di Responsabile del servizio prevenzione e protezione (RSPP) ma anche di Addetto a tale servizio (ASPP). Si tratta, per gli ASPP, di un’importante novità, visto che in passato la formazione non era obbligatoria. L’Accordo, che dà attuazione al d.lgs. n. 196/03 (disciplinante i requisiti e le capacità che si deve possedere per svolgere tali funzioni in azienda). I corsi sono suddivisi in 3 moduli formativi A,B e C. I destinatari dei percorsi formativi sono suddivisi in due categorie: a) coloro che non hanno mai esercitato la professione di RSPP e ASPP, che dovranno frequentare tutti i moduli; b) coloro che hanno già svolto o svolgono tali funzioni per i quali è previsto l’esonero dalla frequenza di alcuni moduli. Il Modulo A, della durata di 28 ore, è il corso base per lo svolgimento della funzione di RSPP e di ASPP. Il Modulo B, la cui durata varia da 12 a 68 ore a seconda del macrosettore di riferimento, è il corso di specializzazione adeguato alla natura dei risichi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative. Anche questo modulo è obbligatorio per i RSPP e gli ASPP. Il Modulo C, della durata di 24 ore, è il corso di specializzazione obbligatorio solo per le funzioni di RSPP. Gli argomenti di tale ultimo corso vertono su: prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomia e psico-sociale, di organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali. Tuttavia, richiamando una delle ipotesi di esonero previste dall’Accordo, un RSPP o un ASPP che ha un’esperienza lavorativa maggiore di tre anni, nominato prima del 14/02/03 ed attivo al 13/08/03, è esonerato dal frequentare i moduli A e B (salvo svolgere il corso di aggiornamento immediatamente). Il dettaglio dei corsi è riportato negli allegati all’Accordo. E’ previsto, infine, un aggiornamento quinquennale, da attuare anche con modalità e-learning, della durata di 28 ore per gli addetti SPP e della durata che varia dalle 40 alle 60 ore per i responsabili SPP, in base al macrosettore di attività di appartenenza (codice attività Ateco). Per quanto riguarda i tempi, i corsi andranno attivati entro un anno dalla data di pubblicazione dell’Accordo sulla gazzetta ufficiale. Visto l’elevato gap tematico tra la formazione prevista dal d.lgs. n. 626/94 e quella prevista dal d.lgs. n. 195/03, si è previsto, in sede di prima applicazione, che le Regioni avviino una sperimentazione che consenta di testare il nuovo impianto formativo, per gli eventuali adeguamenti in Conferenza Stato-Regioni .

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere Aggiornato

Cookie