Commercializzazione uova: nuovi obblighi a decorrere dal 1° luglio 2007
24/07/2007

Commercializzazione uova: nuovi obblighi a decorrere dal 1° luglio 2007

E’ stata pubblicata in data 18/07 la Circolare n. 3 del Ministero delle politiche agricole indicante gli obblighi per la commercializzazione delle uova a decorrere dal 01/07/07. E ciò in attuazione della più recente normativa comunitaria che comporterà la sostituzione di quella normativa nazionale grazie ad un emanando decreto interministeriale. Tra le novità introdotte v’è in primo luogoil fatto che ora anche l’Italia adotta in aggiunta alle esistenti altre tre definizioni quali: “Mercato pubblico locale”, qualsiasi mercato di prodotti alimentari per la vendita al minuto,“Vendita porta a porta”, la vendita effettuata direttamente dal produttore presso il domicilio del consumatore finale,“Regione di produzione”, area di territorio compresa entro un raggio massimo di 10 km dal luogo di produzione. In secondo luogo che tutte le uova vendute al consumatore finale, incluse quelle non classificate, devono essere marchiate con il codice del produttore, ai sensi dell’art. 4 c. 3 del Reg. (CE) 1028/06, ad eccezione di quelle provenienti da produttori aventi fino a 50 galline ovaiole ed a condizione che il nome e l’indirizzo del produttore siano indicati nel punto di vendita o comunicati all’acquirente nel caso di vendita porta a porta. Terzo, che le uova di categoria “B” e quelle non classificate, destinate all’industria, commercializzate sul territorio nazionale, sono esonerate dagli obblighi di stampigliatura ex art. 4 del Reg. (CE) 1028/06. Quarto, le procedure di autorizzazione o revoca dei centri d’imballaggio rimangono a carico del Ministero fino all’emanazione del predetto decreto, e per la presentazione delle domande d’autorizzazione, gli operatori dovranno prima ottenere il riconoscimento dalle Regioni o Province autonome di cui all’ 4 del Reg. (CE) n. 853/04. Quinto, ai centri d’imballaggio che lavorano in esclusiva per le industrie di sgusciatura, è consentito avere dotazioni di attrezzature ridotte posto per detti non è obbligatoria la timbratura del guscio con il codice del produttore e la classificazione delle uova per peso. Sesto, il Ministero non rilascerà più autorizzazioni relative all’utilizzo di particolari diciture o date facoltative e, sul punto, gli operatori che non ne siano già in possesso sono tenuti a darne mera comunicazione, tramite gli appostiti uffici competenti per territorio almeno 30 giorni prima rispetto al momento dell’utilizzo delle stesse oltre al rispetto delle norme generali sull’etichettatura dei prodotti alimentari (D.lgs n. 109/92). Limitatamente alle diciture sul tipo di alimentazione delle ovaiole, gli operatori dovranno anche conformarsi a quanto previsto dall’art. 15 del Reg. (CE) 557/07.Settimo, relativamente all’utilizzo dell’indicazione dell’origine delle uova, è possibile apporre direttamente, previa comunicazione al Mipaaf, diciture e/o simboli relativi all’origine purché tale provenienza sia rilevabile dal codice distintivo del produttore. Ottavo, l’utilizzo delle diciture “EXTRA” o “EXTRA FRESCHE” è consentito solo se sull’imballaggio è indicata in maniera visibile la data di deposizione e il termine di 9 giorni da detta. Sino all’entrata in vigore del nuovo decreto quella dovrà essere apposta anche sul guscio delle uova destinate ad essere etichettate come “Extra” e per quelle già etichettate con la data di imballaggio, occorrerà aggiungerla, ove possibile. Nono, fatto salvo quanto previsto all’art. 12 del Reg. (CE) 557/07, si precisa che l’indicazione della quantità netta di prodotto, di cui all’art. 9 del Decreto legislativo 109/92, può essere espressa in peso o in numero di uova. Decimo,si evidenzia infine che, sempre ai sensi dell’art. 12 predetto, la spiegazione del codice del produttore con cui sono marchiate le uova deve essere riportata sulla superficie interna o esterna degli imballaggi che le contengono e, qualora si disponga di scorte di vecchi d’imballaggi, questi debbono essere a ciò adeguati, ove possibile.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere Aggiornato

Cookie